Please go to your post editor > Post Settings > Post Formats tab below your editor to enter video URL.

Arturia Keylab Black Edition: il lato oscuro degli ibridi [Unboxing]

Qualche tempo fa abbiamo avuto modo di provare e recensire la serie di controller MIDI prodotti dalla prolifica casa francese Arturia, parliamo delle Keylab prodotte e distribuite in versioni da 25, 49, 61, ed 88 tasti.

Oltre ad essere dei controller MIDI di ottima fattura che non hanno nulla da invidiare a marche più blasonate, le tastiere della serie Keylab hanno dalla loro una dotazione software che raccoglie i preset più interessanti di tutta la produzione di Arturia, per questa ragione alla casa francese è sempre piaciuto parlare di tastiere ibride in quanto collegandole ad un computer ed interfacciandosi col loro Analog Lab, un software pensato in tutto e per tutto per la Keylab, diventavano dei veri e propri sintetizzatori.

keylab49-be-image[1]A distanza di qualche anno, Arturia ripropone lo stesso modello di business con la Keylab Black Edition questa volta in versione 49 e 61 tasti. La filosofia è la stessa, cambia il colore e la dotazione software che si arricchisce di altri 3 interessanti prodotti Arturia, parliamo del sintetizzatore Prophet-V, della string machine Solina V e di UVI Grand Piano che si aggiungono al già noto Analog Lab.

La tastiera è opera dell’italiana Fatar, un brand di eccellenza conosciuto e apprezzato in tutto il mondo dagli addetti ai lavori; i tasti sono naturalmente sensibili alla dinamica ed all’aftertouch mentre lo chassis si differenzia dalla serie precedente nel colore: the dark side of the hybrids recita il payoff di Arturia.

Il prezzo della nuova Keylab è allineato con quello della precedente e quindi 349€ per la versione a 49 tasti e 399€ per la versione a 61 tasti; in italia potete acquistare la Keylab su Amazon.

Dopo l’unboxing che potete visualizzare nel video in alto, vi proporremmo una video recensione del modello a 49 tasti che Arturia ci ha gentilmente concesso in prova. Siamo tuttavia sicuri che come la versione precedente, anche questa “variante” soddisferà in pieno le aspettative di musicisti e produttori che finalmente possono godere di quella flessibilità che i sintetizzatori tradizionali non possono offrire.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ample Sound ha aggiornato il suo Ample Guitar ed Ample Bass col supporto alle chitarre MIDI

Prossimo articolo

Imperdibile offerta di fine estate su Cubase 8 versione PRO ed Artist

Ultime da Tastiere e controller